Chiellini: “Nessuno credeva in noi. Su Morata…”

 

chiello

Giorgio Chiellini, sente già aria di rivincita: «Ora tutti dicono che l’Italia è l’Italia, ma la verità è che nessuno credeva in noi. Però sappiamo bene che solo navigando a vista possiamo vincere. Di questa nazionale si diceva è spacciata a Lione, tra Belgio e Svezia qualche punto lo farà, e poi passano morti e feriti. Anche qualche mio collega mi aveva detto prenota, tanto il 27 sei a casa. E invece ora i tifosi sognano. E noi continuiamo a navigare a vista».

«Non eravamo pippe prima, non siamo stati fenomeni dopo la Svezia, e non siamo tornati “pippe” dopo l’Irlanda calma con i giudizi. Eravamo morti prima del via dell’Europeo, siamo stati esaltati e poi riaffossati». Morale dello juventino: «Si giudica troppo dagli episodi: chi ha giocato ha dato il massimo, anche con qualche errore».

Il suo saluto ad Alvaro Morata
«Prima di tutto Alvaro è un ragazzo speciale e con dispiacere lo saluto da ex compagno. Ma sono felice per lui e spero che possa restare al Real Madrid. Merita di essere il centravanti della Spagna e del Real, e mi dispiacerebbe se fosse usato come merce di scambio. Non lo merita, tiene tanto al Real. Non vedo come non possa giocare al Real per dieci anni. Ha doti incredibili e un ampio margine di miglioramento. In questi due anni è cresciuto tanto a livello tattico e umano. Quando arrivò era un bambino, non era considerato un ragazzo da prima squadra. L’abbiamo aiutato a crescere giorno dopo giorno. Spero che lunedì faccia male, ma che possa far bene per il resto della carriera».

Commenti Facebook

Lascia un commento

Pin It on Pinterest

Vai alla barra degli strumenti